Castelli ad entrata libera

In Belarus è semplice viaggiare anche se il vostro budget è limitato. C’è una moltitudine di occasioni di risparmio: dallo shopping ai trasporti pubblici. E, per quanto suoni strano, il risparmio durante il viaggio può rivelarsi persino piacevole essendoci la possibilità, in Belarus, di visitare tanti luoghi completamente gratis.

Il primo posto nella lista dei monumenti storici e architettonici da visitare liberamente occupano i castelli di Belarus i quali in gran quantità sono sparsi per tutto il paese e, in particolare, nella sua parte occidentale, causa passato storico. I castelli impressionano con la curiosa combinazione della varietà degli elementi architettonici e costruttori, dei dettagli appartenenti alle varie epoche e stili, e in virtù di ciò presentano un grande interesse non solo per gli appassionati di storia e cultura ma indiscriminatamente per tutti. Se, in più, la visita ai castelli non comporta spese, allora diventa non solo una delle opzioni ma, senza esagerazione, una tappa obbligatoria del viaggio.

Abbiamo stilato una lista dei castelli più interessanti di Belarus i quali possono essere ammirati completamente gratis:

Il castello di Holshany, la residenza  del sottocancelliere del Granducato di Lituania Pavel Stefan Sapega, della quale oggi solo un terza parte rimane integra, rappresentava una volta uno dei più imponenti poderi nobiliari del Granducato di Lituania. A suo tempo, per bellezza e grandiosità, poteva essere accostato solo al famoso castello di Mir. Ciononostante, ora il castello di Holshany si trova in uno stato semidistrutto e richiede un pronto intervento di ricostruzione.

Картинки по запросу гольшанский замок привидение

Il castello di Novagrudak, costruito a metà del XIII secolo, che, tuttavia, ricevette il suo aspetto definitivo solo nel XVI secolo, rappresentava il principale anello della catena difensiva dell’antica città di Novagrudak. Secondo una delle ipotesi, proprio nel castello di Novagrudak nel 1253 si tenne l’incoronazione del duca lituano Mindoug, e nel 1422 ebbe luogo il matrimonio fra il re di Polonia Jahaila e la duchessa Sofja Holshanskaja. I bastioni di Novagrudak più volte subirono gli attacchi degli eserciti nemici in conseguenza dei quali il castello, alla fine, fu quasi del tutto distrutto. Ci sono stati dei tentativi di effettuare gli interventi conservativi sulle parti rimaste del castello che, tuttavia, non hanno riportato esiti significativi.

Картинки по запросу новогрудский замок

Il castello di Kreva costruito dal duca di Lituania Gedimin ebbe una parte importante nella storia di Belarus. Proprio in questo castello fatto di pietra e di mattone rosso nel 1385 fu siglata l’Unione di Kreva che diede inizio all’unione dinastica fra il Granducato di Lituania e la Polonia. Il castello fu fortemente danneggiato durante la Prima guerra mondiale in quanto la linea del fronte si trovava poco lontano. Ad ogni modo, fino ai giorni nostri si sono conservati solo alcuni frammenti delle mura e delle torri che possono essere visionati liberamente.

Картинки по запросу Кревский замок

Il castello a Kosava è la residenza familiare del casato nobile dei Puslowski eseguita in stile neogotico dietro il progetto dell’architetto Jaschold poco meno di due secoli fa. L’architettura del castello è estremamente simbolica mentre la struttura appare studiata nei minimi dettagli. Tuttavia, ad oggi uno riesce a rendersene conto solo osservando il castello dall’esterno in quanto all’interno sono in corso i lavori di restauro. Il fatto è che il castello fu sensibilmente danneggiato durante la Grande Guerra patriottica, ossia fu quasi completamente bruciato dai partigiani.

Картинки по запросу коссовский замок

Il castello di Lubchany fu costruito nel 1581 su iniziativa dell’influente magnate e potente uomo di corte del Granducato di lituania Jan Kishka. Inizialmente quasi tutte le costruzioni del castello, tranne una torre in pietra, furono in legno. Alla fine del XVI secolo il nuovo proprietario del castello –il duca Nikolaj Radzivill – lo ricostruì notevolmente. Da quel momento in poi il castello più volte cambiò proprietario fino a che nel XIX secolo i resti delle costruzioni interne non furono abbattute e in loro luogo non fu innalzato un palazzo alto due piani nello stile neogotico inglese. Al presente, grazie agli sforzi dei volontari bielorussi, si conducono i lavori di restauro delle antiche torri, e si va verso la trasformazione del sito d’interesse storico in un oggetto di turismo internazionale.

Картинки по запросу любчанский замок

Purtroppo, una volta stupendi e magnifici, tanti castelli bielorussi oggi consistono in rovine, alcuni di loro nel migliore dei casi si sono conservati in uno stato di semi-distruzione. Ciononostante, il loro significato culturale e storico rimane invariato , per cui da sempre continuano a presentare un grande interesse turistico.

Read More


Our Guide For The Sculpture-lovers: Minsk

We like to enjoy the architecture, wide avenues, streets. But sometimes you need to look at the sculptures: they can tell a lot of interesting things about the city and about the country.

Isola delle lacrime

Isola delle lacrime a Minsk viene considerato come un particolare complesso memoriale. Non per nulla il suo secondo nome è Isola di coraggio e di dolore. Situato in un'ansa del fiume Svislach, accanto al quartiere della Trinità, questo memoriale è un tributo alla memoria ai soldati bielorussi internazionalisti, che partecipato alla guerra con l'Afghanistan negli 1979-1989 anni.

La chiesa di Kalozha

La chiesa dei Santi Boris e Gleb, o Kalozhskaya, è una perla architettonica della vecchia Grodno, un monumento unico dell’antica arte costruttoria ortodossa del XII secolo in Belarus e in tutta l’Europa Orientale.

Commenti