La torre di Kamenec

Indirizzo: Kamenets Tower
Visualizza la mappa
Ottenere direzioni

Sulla collina sopra il fiume Lesnaya, una volta ricco d’acque, si innalza una costruzione maestosa, rassomigliante un’enorme torre degli scacchi. Secondo gli annali, la torre di Kamenec fu eretta tra il 1276 e il 1288. Su ordine del duca della Galizia e della Volinia Vladimir Vasilkovich l’architetto Alexa individuò il luogo dove a breve sorsero la città, la torre e un castello in legno. La torre di Kamenec è del tipo di quelle diffuse in Volinia e ha dei tratti in comune con le torri-donjon diffuse nell’Europa Occidentale nei secoli XII-XIII. La struttura, rotonda nella pianta, si sviluppa su cinque livelli (altezza circa 30metri, lo spessore delle pareti 2,5 metri, diametro esterno 13,6 metri) ed è posta su un fondamento in pietra alto circa 2,3 metri, dal diametro di 16 metri. La torre è costruita in mattone color rosso-scuro e colore giallognolo.

A model of ancient Kamenets

Kamenets Tower

La torre di Kamenec fu intesa come difensiva e presenta pochi elementi di plastica decorativa nell’architettura, ossia feritoie strette, 4 nicchie piatte con le terminazioni semicircolari. La piazzetta superiore è circondata da 14 merli rettangolari con le forature panoramiche, lungo il perimetro della parte superiore corre una striscia di posa di mattoni decorativa. Nel Medioevo le torri simili esistevano in tante città bielorusse: Brest, Grodno, Mstislavl’, Miadel’, Navagrudak, Polack, Radoshkovichi, Turaw, Shklow, però, la torre di Kamenec è l’unica conservata fino ai nostri giorni, ed è ciò in cui consiste la sua unicità. Nei secoli XIV-XVII la torre resse alle invasioni dell’Ordine dei Crociati, all’assalto delle truppe polacche e lituane, accanto alle sue mura combattevano gli eserciti della Confederazione Polacco-Lituana, della Svezia e dello stato di Moscovia.

A model of the Kamenets Tower as part of the exposition of the museum

A hall at the Kamenets Tower museum dedicated to the armor of the late 13th – early 16th centuries

Verso il XIX secolo la torre di Kamenec perdette il suo scopo difensivo e venne abbandonata. Nel 1822 provarono a smontarla mattone per mattone ma, nei secoli, la posatura in mattoni diventò dura come pietra. I resti dell’avvallamento di terra e del castello di legno furono distrutti nel 1903 durante lo svolgimento dei lavori di restauro. Su progetto dell’architetto Suslov intorno alla torre fu tolto uno strato di terra, e il primo livello della costruzione considerato prima una cantina spuntò fuori. Intorno alla torre innalzarono un avvallamento e lo coprirono di sassi. In queste vesti il monumento si è conservato fino ai giorni nostri. All’inizio degli anni cinquanta la torre fu imbiancata per la prima volta, e il pavimento fu lastricato. I lavori di restauro si tennero nei 1968-1973 e nei 1996-2003.

The medieval festival near the Kamenets Tower

Founder of the town of Kamenets Prince Vladimir Vasilkovich

Alla torre di Kamenec sono legate tante leggende, sia verosimili che fantasiose. Per esempio che il pilastro di pietra è il monumento al gigante sconosciuto che costruì la torre. Ai giorni nostri la torre di Kamenec in quanto monumento di storia e cultura è protetta dallo stato. Ivi è situato il museo «La torre di Kamenec». Nel cortile superiore è possibile seguire il percorso guidato dal titolo «I monumenti architettonici di Kamenec». La visita alla torre è inclusa nei vari itinerari. La torre di Kamenec è stata presentata nella lista preliminare del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

The town of Kamenets

Picture depicting the construction of the Kamenets Tower

Read More


Il Patrimonio Mondiale dell’Unesco: i tesori di Belarus

Il patrimonio è la nostra ricchezza dal passato, qualcosa grazie a ciò viviamo oggi e ch trasmettiamo alle generazioni future. Il nostro patrimonio culturale e naturale sono fonti insostituibili di vita e ispirazione.

Il canale di Augusto

Il canale di Augusto è una eccezionale struttura idraulica del XIX secolo ed è uno dei più grandi canali d’Europa, tanto che e stato incluso nell’Elenco del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Il parco nazionale Foresta Belavezhskaya.

Nelle foreste protette di questo parco crescono 900 specie di piante e vivono 250 specie di animali e uccelli incluse quelle rare.

Commenti